Didattica

Si può usare un frullatore anche come oggetto di arredamento?

Si può usare un frullatore anche come oggetto di arredamento?

Ecco che ci si pone un quesito che uno potrebbe anche e pure sottovalutare tutto quanto si possa fare con un semplice frullatore da cucina anche e pure in ottica di arredamento della casa, e invece in così poco spazio e in un unico e solo prodotto tu puoi trovare una marea totale di diversi possibili usi, e dunque anche e pure quello estetico. E io non sono mica qui per fare la arrogante eh, sia ben chiaro, dal momento che non voglio dirvi di utilizzarle se proprio ma proprio non ne avete il bisogno in alcun modo e totalmente no.

E dunque magari vi state or ora chiedendo a che cosa io mi riferissi quando vi ho detto che un normale frullatore ad immersione da cucina può divenire uno strumento di arredamento di interni. Per primo elemento, date la sua grande varietà di forme e di colore, le potrete inserire e togliere dal vostro ambiente di cucina senza eccessivi problemi e in ogni modo. O ancora, in caso di uso in casa propria, potrete pure mantenerlo per spostamenti di breve, magari e pure se esso ha uno stile estetico migliore rispetto a quando vi mettete in cucina degli strumenti ingombranti invece, che voi magari odiate del tutto.

Allora e invece voi cosa ne trovate di quelle persone che acquistano strumenti iper mega funzionali, ma ingombranti a dismisura, in quanto magari e pure approfittano di avanzamenti o di sconti al fine di portare a casa tanti aggeggi diversi che altro non fanno se non appesantire l’aspetto estetico della vostra cucina? Che sia per risparmiare, che sia in tema di cura estetica oppure anche e pure di un tema invece e del tutto diverso, se non addirittura e in radice radicale. E ciò sia chiaro, io lo dico perché ci sono passata e so bene che cosa questo possa mai significare!

Frullare e frullare, di giorno in giorno…

Io non so se voi vi siete mai chiesti quanto bene vi possa fare avere con voi un frullatore di quelli variopinti e di forme particolari? Io credo che vi possa essere utile sia da un punto di vista dinamico sia da un punto di vista statico, ossia in relazione a un suo uso che sia slegato da una prospettiva di estetica in sé e per sé e invece calata in una prospettiva di uso più quotidiano.

Come ascoltare i concerti? Semplice, con i diffusori acustici!

Come ascoltare i concerti? Semplice, con i diffusori acustici!

Ho capito, ho già capito, siete fin da ora e fin da subito molto ma molto perplessi. Ma non vi preoccupate, e non prendetemi per pazzo: ora infatti vi spiegherò il perché di quanto io ho affermato fino ad ora. Non sto infatti mica parlando di vedere un concerto dal vivo, in quanto infatti a mio modesto parere un concerto dal vivo è tutta un’altra cosa e non vi è mica nulla da dire, insomma non si può fare alcun paragone tra un concerto dal vivo e un concerto su dvd o su bluray.

Però è anche vero che non abbiamo mica tutti i soldi che ci sono necessari per andare a vedere tutti i concerti dei cantanti che ci piacciono e che dunque noi vorremmo vedere. Avete capito no il tipo di ragionamento che io sto facendo? Quando insomma i soldi cominciano a scarseggiare, ci possiamo anche comprare il dvd del concerto, e guardarcelo comodi comodi dal divano di casa nostra. Però è anche ovvio che, per guardare un concerto a casa propria come si deve, è prima necessario avere un giusto set di diffusori acustici.

E infatti, se le vostre casse non sono adeguate, il rischio è che il concerto non si senta con la stessa qualità che il dvd o il bluray in sé e per sé considerati vi avrebbero garantito. Proprio per questa ragione, io penso che sia opportuno, se non addirittura necessario, acquistare un set di diffusori audio acustici che sia della qualità idonea per poter guardare in casa propria un bel concerto sul proprio televisore.

Quasi come esserci per davvero!

Il quasi io vi dico è di obbligo, non è che possiamo mica stare qui a raccontarci cose non vere. Ci stiamo dicendo invece che noi insieme stiamo solo e solamente ricercando quello di cui abbiamo bisogno, e a partire dai quali noi abbiamo bisogno di trovare una soluzione quanto meno vicina, ma è ben ovvio che ascoltare un concerto dal tv non equivale mai a guardare un concerto dal vivo. Vuoi mettere la differenza in punto di adrenalina?

Ma comunque, io vi dico che dovete stare bene attenti a operare una scelta adeguata e opportuna, perché in caso contrario voi vi potreste trovare delusi da una qualità audio che non è poi corrispondente a quella che voi stessi avevate desiderato. Dunque, state davvero bene attenti alle specifiche.

Un trapano a colonna per ogni occasione?

Un trapano a colonna per ogni occasione?

Mi chiedo poi e pure se si sappia anche che io credo come si debba modificare e cambiare allora questo modo di osservare le cose e gli spazi, e i mondi e ogni altra cosa, e i pianeti di questo mondo e insieme e ancora tutto quanto circonda il mondo dei trapani a colonna, i quali io credo sono una risorsa di fondamentale e di primaria importanza ai fini di un apprendimento veloce del funzionamento che di volta in volta se ne voglia poi fare.

Ma direi poi e ugualmente e pure che voi stessi lo comprendiate come non sia affatto in alcun modo possibile dedicarsi al fai da te se prima non si studia anche almeno un poco di come possa operare uno strumento come questo, che è articolato e io dico pure e anche rischioso se non lo si sa usare e se viene dunque portato nelle mani sbagliate di persone che non sanno quali cautele vanno prese in specie durante un suo uso e poi e anche a non uso.

Ma poi e in fondo il nostro tema è un altro e un poco diverso: un trapano a colonna va bene in generale o è meglio prenderne uno per ogni singola occasione in cui ci si possa trovare a usarne uno? È in altre parole questo poli funzionale o invece e al contrario necessario portarne a una grande specializzazione? Io vi dico qui che ne esistono di vari e di diversi tipi, tutti propri e in sé e per sé; che sia da quello di specie e preciso a quello di genere e del tutto proprio, come già vi ho avuto modo di dire.

Di specie in genere, si può!

È un percorso che di per certo può dare molte ma molte migliorie a una macchina che comunque e anche parte da un presupposto di buon funzionamento del ruolo di pieno valore di un più o meno comune in sé e per sé il miglior trapano a colonna per il fai da te, come poi sono quelli a cui mi rivolgo io e penso poi e anche la maggior parte dei miei lettori, che saranno uomini di casa più che lavoratori in questo particolare settore, io penso. Poi ehi, se avete da smentirmi sarò più che ben felice di leggere i vostri commenti o i vostri messaggi dalla pagina dei contatti, come già ben sapete!

Gli studi in materia di lavoro sociale

Gli studi in materia di lavoro sociale

Vi sono in Italia ma anche nei paesi esteri numerose scuole e molte università che hanno istituito corsi dedicati agli studi nella materia del lavoro sociale e della promozione del welfare nel proprio paese in specie. In questo senso io credo che un approfondimento della materia attraverso lo studio, in specie di un corso universitario, possa aiutare e molto chiunque abbia intenzione di intraprendere una carriera in questo ambiente e in questo mondo di lavoro.

Non credo che ci si possa azzardare a consigliare simili corsi senza distinzione a chiunque, dato che io credo sia necessaria una certa vocazione che offra favore in chiunque e in tutti coloro che vogliano per davvero darsi da fare per la promozione e la aumento di quelle che sono le prospettive nel proprio paese in tema sia da un lato di lavoro sociale che poi e anche da un altro punto di vista del welfare e delle politiche di welfare dopotutto e pure. In tal senso direi che dovreste sempre essere aggiornati e ben attenti da questo punto di vista.

Oppure pensate che una buona promozione in tal senso possa e debba muovere in una direzione diversa e più specifica, che appunto poggia la propria conoscenza e le proprie basi specifiche in un punto tutto proprio quale può essere quello di un apposito corso di studi, tale da aumentare e pure direi anche e di molto le conoscenze specifiche nel settore del lavoro sociale e del welfare. Da questo punto di vista direi che una simile utilità non sia proprio aggirabile.

Le opportunità nel mondo del lavoro

E in fondo anche noi dobbiamo guadagnarci da vivere, e io penso che riuscire in tale intento proprio e attraverso anche un aiuto per gli altri e la promozione di prospettive di lavoro che sappiano per davvero essere di altruismo e non di egoismo possa permettere oltre che di vivere anche e di vivere bene. Non lo credete forse anche voi? Sareste forse capaci di smentire questa mia, e anzi questa nostra, affermazione? Sia ben chiaro che per eventuali vostri pareri, sia che siano concorsi sia che siano contrari, basta scrivere.

A tal fine avete sia gli spazi offerti dai commenti in ciascun post sia gli spazi più rilassati della pagina contatti, cui ambo ci dedicheremo non appena sarà possibile e, se si riesce, rispondendo e avviando un buon dibattito.